Biblioteca Comunale di Lampedusa

Anno di fondazione
2013

Il progetto

La creazione di una Biblioteca Comunale per bambini e ragazzi a Lampedusa è un progetto promosso dall’Associazione Ibby Italia in collaborazione con il Comune di Lampedusa e il sindaco Giusi Nicolini. La presenza di una biblioteca comunale nell’isola ha una valenza altamente simbolica: Lampedusa è il simbolo di tutti i luoghi remoti e questo progetto vuole essere un’occasione per portare all’attenzione delle istituzioni e della società civile i bisogni di chi cresce lontano dalla lettura e da quei principi di tolleranza e di comprensione dell’altro, che la lettura è in grado di stimolare.

Il progetto denominato Libri senza parole: Dal mondo a Lampedusa e ritorno ha promosso la realizzazione della biblioteca, ma si articola anche attorno ad un’altra iniziativa: una selezione internazionale di silent book, ovvero libri senza parole, da donare all’isola di Lampedusa. I silent book (libri senza parole) selezionati vengono raccolti e resi disponibili nella Biblioteca di Lampedusa: questi libri riescono ad annullare ogni barriera linguistica e culturale e sono particolarmente adatti a stimolare e facilitare l’incontro tra bambini di origini e culture diverse e, al tempo stesso, utili per gettare solide basi per l’apprendimento di un vocabolario delle immagini, veicolo privilegiato nel mondo della comunicazione globalizzata

Referenti

Deborah Soria

Missione

Obiettivo del progetto è la nascita di una biblioteca per bambini e ragazzi nell’isola di Lampedusa, che sia per tutti, isolani e migranti, un luogo di accoglienza e apertura al mondo. Vogliamo inoltre sostenere lo start-up della biblioteca, con la raccolta e donazione di libri, ma anche l’allestimento degli spazi e la formazione del personale. Costruire uno spazio che, intorno ai libri, sappia creare scambi ed emozioni, parole e memorie comuni: è questa la sfida che intendiamo raccogliere e sulla quale chiediamo il sostegno di tutti. Perché oggi Lampedusa è ovunque

Punti di forza

Biblioteca come luogo di accoglienza e ponte che unisce bambini e ragazzi di culture differenti / Superamento delle barriere linguistiche e culturali attraverso i libri, in particolare i silent book (libri senza parole), e la lettura

Testimonianze

“Una biblioteca per i bambini dell’isola, che possano imparare a distinguere l’orizzonte dal confine, per i bambini che passano, perché Lampedusa non sia soltanto la tappa di un viaggio. Perché attraverso i libri è possibile costruire una cultura dell’accoglienza, del rispetto, della partecipazione”

Giusi Nicolini

“Ho avuto questo grande dono di avere la chiave della Biblioteca di Lampedusa, che mi ha donato l’Associazione Ibby: è un’associazione, che ha capito che i libri servono a far conoscere e rispettare le culture differenti, servono a farci ricordare che in questo Paese abbiamo elaborato tra i primi il concetto di tolleranza; che il Mediterraneo è stato il mare di incontro, di religioni e civiltà, e non di morte”

Massimo Bray

Video presentazione

Mappa

News

07_Biblioteca Comunale di Lampedusa

01/04/2015 – Presentazione della II edizione di Libri senza parole. Destinazione Lampedusa al Bologna Childrens Book Fair: silent-books-illustratori-per-lampedusa-seconda-edizione

Galleria

  • 01_Biblioteca Comunale di Lampedusa
  • 02_Biblioteca Comunale di Lampedusa
  • 03_Biblioteca Comunale di Lampedusa
  • 04_Biblioteca Comunale di Lampedusa
  • 05_Biblioteca Comunale di Lampedusa
  • 06_Biblioteca Comunale di Lampedusa
Ti piace questo progetto? Dillo con un "mi piace"

Diffondilo tra i tuoi contatti

Articoli collegati